Nota Stampa - 12.03.2012

Quelle antiche carte - Percorsi fra documenti e archivi

Ciclo di conferenze in Provincia dal 15 marzo al 4 maggio

Si apre giovedý 15 marzo alle ore 16,30, nel Salone Consiliare della Provincia, il ciclo di conferenze "Quelle antiche carte. Percorsi fra documenti e archivi", diviso in tre moduli, promosso dalla Provincia della Spezia, dal Comune di Ortonovo, dall'Istituto Internazionale di Studi Liguri, dalla SocietÓ Dante Alighieri e dall'Archivio di Stato. I sette appuntamenti culturali, che si succederanno fino agli inizi di maggio, propongono un incontro ravvicinato con gli strumenti della conservazione della memoria storica, gli archivi, e con la documentazione di etÓ medievale lunigianese, che sarÓ possibile vedere, oltre che nella proiezione di filmati, dal vivo durante le visite guidate presso alcuni enti conservatori. La produzione di una pergamena fatta con gli antichi utensili scrittori sotto gli occhi del pubblico, renderÓ pi¨ comprensibile il mestiere dello scriba medievale.
La forma e la redazione dei documenti, il loro significato giuridico, l'evoluzione del notariato nel contesto della societÓ civile, il ruolo, attraverso alcuni loro contratti, di protagonisti della politica medievale come i vescovi conti di Luni, saranno il tema della prima conferenza del 15 marzo, tenuta dalla prof.ssa Eliana M. Vecchi dell'Istituto Internazionale di Studi Liguri, cui si deve il progetto. L'esposizione contestuale di alcune pergamene, oggi provenienti da un archivio privato familiare, ma fino al XVIII secolo parte del cartario del monastero di San Venerio del Tino, consentirÓ al pubblico di vedere direttamente alcuni degli esempi, finora inediti.
ConcluderÓ il pomeriggio un aperitivo offerto dalle Cantine Ca' Lunae di Bosoni.
Nel secondo incontro,  il 20 marzo, alle ore 15,30, presso l'Archivio di Stato della Spezia, il direttore dott. Antonino Faro, dopo aver spiegato le funzioni dell'istituzione, mostrerÓ esempi selezionati della documentazione conservata, fra cui le carte del cartolario notarile, rogate nel contesto della pace nel 1306 fra il vescovo di Luni e i Malaspina, di cui Dante fu procuratore, mentre la dott.ssa Bruna La Sorda introdurrÓ alle tematiche della conservazione e catalogazione archivistica.

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO