1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Contenuto della pagina

COMUNICATO STAMPA - 23.02.2010

La Provincia a Roma per la conclusione del Progetto Me.Su.Re - Migrations en Sûreté

 Un convegno di presentazione dei risultati ottenuti nei quattro anni di attivitą ha ufficialmente concluso a Roma il Progetto Me.Su.Re., sostenuto dall'Assessore provinciale alle Politiche Sociali Giulia Micheloni e dall'Assessore provinciale alla Cooperazione Internazionale Elio Cambi.  Me.Su.Re. ha messo in campo una serie di azioni  finalizzate ad affrontare le principali problematiche che emergono nei fenomeni migratori legati ad esigenze lavorative e provenienti dalla Tunisia, fornendo strumenti indispensabili per una gestione coordinata ed efficace degli stessi e scoraggiando l'immigrazione clandestina attraverso un'estesa campagna di informazione e sensibilizzazione. Finanziato dall'Unione europea con un budget complessivo di circa 1 milione e settecento mila euro, il Progetto č stato promosso dalla Provincia della Spezia assieme all'Associazione TECLA (Associazione di Province che fornisce, a Bruxelles, assistenza tecnica in ambito europeo all'Unione delle Province d'Italia), all'Istituto per il Mediterraneo (IMED) e alle province di Parma, Ragusa e Siracusa e ai partner della Tunisia [Associazione delle donne tunisine per la ricerca sullo sviluppo (AFTURD) e l'Associazione maghrebina di sviluppo delle risorse umane (AMDRH)].
Nel corso del seminario conclusivo di Roma sono dunque stati presentati tutti i risultati ottenuti grazie alla realizzazione di strumenti condivisi tra dai servizi per il lavoro tunisini ed italiani, in un'ottica di comunicazione e scambio continuo di informazioni. In particolare sono stati realizzati un dizionario dei mestieri sperimentale che mette a confronto i profili professionali, le qualifiche, i titoli di studio ed un database che pone in diretta comunicazione, tramite web, i Centri per l'Impiego italiani e i servizi per il lavoro tunisini.

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO