1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Contenuto della pagina

COMUNICATO STAMPA - 19/02/2010

Approvata la rimodulazione del contratto d'area: oltre 5,8 milioni di euro per nuove imprese, occupazione e infrastrutture

Il Ministero dello Sviluppo Economico, su indicazione del Ministro Scajola, ha approvato la rimodulazione del contratto d'area della Spezia, che può così disporre di risorse agevolative per oltre 5,8 milioni di euro.
L'approvazione da parte del Ministero conclude positivamente l'impegno della Provincia della Spezia che, quale soggetto responsabile unico, si è impegnata negli scorsi mesi a promuovere il riutilizzo nel territorio spezzino delle risorse derivanti da economie scaturite nelle precedenti fasi attuative del contratto d'area.
La Provincia ha chiesto e ottenuto che una parte delle risorse agevolative, pari a circa 3 milioni di euro, siano disponibili per il sostegno allo sviluppo imprenditoriale ed occupazionale, ed una quota pari a 2,8 milioni di euro siano destinate alla realizzazione di interventi infrastrutturali strategici per la sicurezza delle aree produttive e del territorio della Piana del Magra, recentemente colpito da gravi eventi alluvionali.
Le risorse per infrastrutture saranno destinate a dare una risposta alle esigenze delle imprese e della popolazione, potendo contribuire al completamento degli argini ed alla ricostruzione del ponte della Colombiera, compromesso dai crolli dovuti all'esondazione del fiume Magra.
Le risorse per lo sviluppo imprenditoriale ed occupazionale, oltre 3 milioni di euro, sono destinate a finanziare nuove iniziative imprenditoriali, potendo agevolare un investimento complessivo di circa 15 milioni di euro. La Provincia si è immediatamente attivata per l'avvio delle procedure di predisposizione, nel più breve tempo possibile, dello specifico bando attraverso cui saranno assegnate le risorse.
"Ritengo che la Provincia abbia ottenuto un ottimo risultato con l'attribuzione delle risorse finanziarie per il contratto d'area - commenta il Presidente della Provincia, Marino Fiasella - Le risorse possono essere utilizzate sia per aiutare l'occupazione, attraverso il sostegno alla creazione di nuove imprese, sia per effettuare interventi decisivi per la messa in sicurezza della zona fociva del fiume Magra dove gli argini e il ponte sono infrastrutture determinanti per garantire l'indotto produttivo del comparto della nautica. Una parte dei costi previsti per i lavori del ponte della Colombiera saranno sostenuti, a seguito di apposita convenzione, anche da una parte delle più importanti e significative aziende presenti, quali Intermarine-Rodriguez e San Lorenzo."

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO