1. Mappa del sitomappa
Stampa

Controlli sulle imprese

CONTROLLI AMBIENTALI

Per l'effettuazione del controllo sulle imprese in materia di tutela ambientale la Provincia della Spezia ha in atto una convenzione con l'A.R.P.A.L., in attuazione della quale il Dipartimento Provinciale dell'Agenzia svolge attività di controllo ispettivo alle imprese che sono sottoposte alla disciplina delle "Norme in materia Ambientale", alle ispezioni può far seguito il campionamento delle emissioni (in aria, in acqua e sul suolo) originate dall'attività produttiva. Ogni anno viene predisposto dalla Provincia, di concerto con l'Agenzia, l'Azienda Sanitaria, la Regione e la rappresentanza dei comuni (ANCI), un Programma Operativo con il quale si definiscono tutte le attività di controllo e di monitoraggio da effettaursi sull'intero territorio provinciale. Gli adempimenti oggetto delle attività di controllo che le imprese sono tenute a rispettare per ottemperare alle disposizioni normative, sono riportati nelle prescrizioni contenute nei provvedimenti autorizzativi rilasciati in attuazione delle vigenti leggi ambientali, detti adempimenti sono di norma costituiti da interventi manutentivi finalizzati ad assicurare la perfetta efficienza dei sistemi di abbattimento degli inquinanti,  di norma sono prescritte anche operazioni di autocontrollo sulle diverse emissioni.

 
 

CONTROLLI DI OTTEMPERANZA EX LEGE N. 68/99

Le Aziende, sia pubbliche o private, se hanno un organico aziendale superiore ai 15 dipendenti, hanno l'obbligo di presentare il prospetto informativo ai sensi dell'art.9 co. 5 della L.68/99 all'Ufficio Collocamento Mirato delle Province competenti che verificano se i dati inseriti sono corretti e invitano formalmente le Aziende in obbligo ad assumere persone con disabilità o categorie protette ai sensi dell'art.18 co.2 della L.68/99.

Qualora le Aziende, sia pubbliche sia private, partecipino a bandi per appalti pubblici o intrattengano rapporti convenzionali o di concessione con pubbliche amministrazioni, sono tenute a presentare preventivamente alle stesse la dichiarazione del legale rappresentante che attesti di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili, pena l'esclusione. 

L'Ente appaltante o l'Organismo di attestazione richiede all'Ufficio Collocamento Mirato L.68/99 della Provincia, dove è ubicata la sede legale dell'Azienda, il certificato di ottemperanza ai sensi dell'art.17 della L.68/99.

L'ufficio Collocamento Mirato procede a verificare: 

 
  • Se l'Azienda ha presentato il prospetto informativo ai sensi dell'art.9 co.6 della L.68/99, in quanto ha un organico aziendale superiore ai 15 dipendenti, se l'Azienda ha provveduto all'assunzione di persone con disabilità o categorie protette ai sensi dell'art.18 co. 2 della L.68/99 per ricoprire la quota d'obbligo o se ha stipulato la convenzione per ricoprire l'obbligo, se ha un'autorizzazione di sospensione dagli obblighi o se è stata parzialmente esonerata e aver coperto la quota  d'obbligo residua e se sulle altre province dove l'Azienda ha unità operative ha adempiuto all'obbligo previsto dalla Legge.
  • Se non c'è traccia di prospetto informativo si verifica dalla banca dati se il numero dei dipendenti è al di sotto delle 15 unità.
 

 
Terminata la verifica si rilascia la certificazione ai sensi dell'art.17 della L.68/99, mediamente entro 15 gg. dalla richiesta, all'Ente appaltante o all'Organismo di attestazione.