1. Mappa del sitomappa
Stampa

Le componenti dell'assetto insediativo

Il capitolo affronta il tema della definizione dello Spazio Urbano ed il riconoscimento delle prestazioni e specificazioni distintive. I caratteri territoriali sono individuati tramite una lettura/interpretazione di natura tipologica, funzionale, relazionale, complementare a quella storico-evolutiva, contenuta nella 1° Sezione.
 
Alla scala di dettaglio, il territorio provinciale mostra di essere soggetto a due tipi di assetto territoriale: gli insediamenti strutturati costituiscono il "telaio insediativo" dell'Ambito territoriale in cui si trovano (ossatura insediativa, funzionale, relazionale) e manifestano un assetto definito.
Gli insediamenti rarefatti attualmente non hanno ruolo per caratterizzare dal punto di vista insediativo l'Ambito in cui si trovano ed individuano, al loro interno, potenzialità di trasformazione del territorio. Alla grande scala, emergono due diverse caratterizzazioni insediative, identificabili in altrettanti macroambiti territoriali: Macroambito rurale, a bassa densità insediativa, di funzioni, di relazioni; Macroambito urbano, ad elevata densità insediativa in cui gli insediamenti sono fortemente relazionati e dotati di variegate e significative funzioni. Ogni Macroambito può, a sua volta, essere distinto in ambiti particolari. All'interno del Macroambito rurale risulta agevole distinguere tre ambiti particolari: l' Alta valle, caratterizzata da un centro ordinatore (Varese), baricentrico, ed un centro di vallata (San Pietro), circondati dalla costellazione di nuclei periferici per i quali assolvono ad una funzione regolatrice; la Media valle, caratterizzata da un centro ordinatore (Brugnato), baricentrico, e diversi centri di vallata posti in quota o a fondovalle; sub-ambiti individuabili sono: il fondovalle, caratterizzato dal ruolo produttivo di Brugnato, dalla presenza rurale di Sesta Godano e dalla potenziale funzione connettiva di Beverino con il Golfo; il versante destro caratterizzato oltre che dalla comunicazione longitudinale anche dalle relazioni costa-retrocrinale; il versante sinistro caratterizzato dall'importanza delle relazioni con il territorio tosco-emiliano. L'ambito Riviera-Cinque Terre è caratterizzato da un centro ordinatore (Levanto), intermedio, e centri secondari coincidenti con le singole emergenze costiere. All'interno del Macroambito urbano risulta agevole distinguere due ambiti particolari: il Golfo, caratterizzato da un centro forte, terminale, e periferie a raggiera polarizzate su questo. La Val di Magra, caratterizzata da un centro forte, baricentrico, e periferie diffusive che si distribuiscono sulle dorsali di relazione e sui collegamenti ai nuclei storici.
 
Il Piano fornisce gli elementi conoscitivi sopraelencati, da integrarsi, in sede di formazione dei PUC, con analisi puntuali a scala appropriata, con l'obiettivo di mettere in condizione i Comuni di identificare le principali aree critiche presenti nello spazio urbano e definire le opportune azioni pianificatorie di riqualificazione e riorganizzazione.

 

Corredo cartografico


 
Miniatura della tavola 3.1.1 Lo spazio urbano
 

TITOLO: Assetto insediativo - classificazione territoriale dello spazio urbano


Scala: 1:52000

 
 

I documenti .PDF sono visualizzabili con l'applicazione Adobe® Acrobat® Reader.
Il Manuale per le verifiche di sostenibilità è in formato .DOC di Microsoft ® Word ®.
Si consiglia di salvare i files sul disco fisso del proprio computer e, successivamente, aprirli in ambiente locale, con l'applicazione sopraindicata.